• Spezzando la sua Parola

    IL PADRE CHE CI ATTENDE

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo IV Domenica di Quaresima  3/31/2019 – Anno (C) (Letture: Giosuè 5,9a.10-12; Salmo 33; 2 Corinti 5,17-21; Luca 15,1-3.11-32) Un Vangelo nel Vangelo. Così è stata definita la parabola del figlio prodigo, o meglio del Padre misericordioso e prodigo di amore. Provoca sempre un po’ di emozione ascoltarla e risentire la tenerezza di Dio per chi ritorna a lui. È come se si ascoltasse per la prima volta. Un vero capolavoro anche nel modo in cui viene raccontata. In questa parabola che Gesù narra c’è tanta parte della nostra vita, della vita dell’uomo di sempre, dell’uomo che perde la sua dignità in…

    Commenti disabilitati su IL PADRE CHE CI ATTENDE
  • Spezzando la sua Parola

    RITORNARE A DIO

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo III Domenica di Quaresima  3/24/2019 – Anno (C) (Letture: Esodo 3,1-8a.13-15; Salmo102; 1 Corinti 10,1-6.10-12; Luca 13,1-9) Con le parole del Vangelo di oggi pare proprio che Gesù risponda ai tanti interrogativi che ci poniamo e ai drammi che succedono o nelle nostre famiglie o nel mondo, magari vicino a noi. È molto illuminante il Vangelo di oggi. Gesù ci insegna un modo diverso di leggere gli avvenimenti, diciamo, il giornale. Nella risposta a quelli che gli erano andati a riferire di due tragici fatti di cronaca a quel tempo: una strage della polizia di Pilato all’interno del tempio e il…

    Commenti disabilitati su RITORNARE A DIO
  • Spezzando la sua Parola

    BUONA PASQUA, MA VERA

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo Veglia pasquale nella Notte Santa  3/20/2019 – Anno (C) (Genesi 1,1 – 2,2; Genesi 22,1-18; Esodo 14,15- 15,1; Esodo 15,1-7a.17-18; Isaia 54,5-14; Isaia 55,1-11; Isaia 12,2-6; Baruc 3,9-15.32 – 4,4; Ezechiele 36,16-17a.18-28; Romani 6,3-11; Salmo 117; Luca 24,1-12.) “Esulti il coro degli angeli, esulti l’assemblea celeste … Gioisca la terra inondata da così grande splendore”. È l’invito che ci giunge in questa notte. “È la notte in cui Cristo, spezzando i vincoli della morte, è risorto vincitore dal sepolcro. La luce del Re eterno ha vinto le tenebre del mondo”. La liturgia ci rende partecipi in questa notte della sorprendente notizia…

    Commenti disabilitati su BUONA PASQUA, MA VERA
  • Spezzando la sua Parola

    IN AGONIA FINO ALLA FINE DEL MONDO

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo Venerdì Santo – «Passione del Signore»  3/19/2019 – Anno (C) (Letture: Isaia 52,13- 53,12; Salmo 30; Ebrei 4,14-16; 5,7-9; Giovanni 18,1- 19,42.) Oggi contempliamo il Volto di Gesù Crocifisso, uomo dei dolori. Il Volto “senza bellezza” di cui parla il profeta e in cui dobbiamo riconoscere il volto di ogni uomo sofferente, distrutto dal dolore. Il volto dell’Uomo. “Ecco l’uomo” – dice Pilato – presentando Gesù alla fine del processo. Il volto, per la fede dei cristiani, nasconde e svela, nello stesso tempo, il mistero di Dio. Sulla terra, è l’icona che in modo adeguato riflette la santità e la grandezza…

    Commenti disabilitati su IN AGONIA FINO ALLA FINE DEL MONDO
  • Spezzando la sua Parola

    NON C’È TABOR SENZA CROCE

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo II Domenica di Quaresima  3/17/2019 – Anno (C) (Letture: Genesi 15,5-12.17-18; Salmo 26; Filippesi 3,17-4,1; Luca 9,28b-36) Domenica scorsa le tentazioni di Gesù nel deserto, Gesù messo alla prova, provato in ogni “tentazione” dal diavolo per aiutarci a vivere, accogliere e fare nostre le sue risposte alle provocazioni del diavolo. Oggi la Trasfigurazione sul Tabor, una collina alta solo 400 metri, dove l’umanità di Gesù, l’umanità vera, piena, è trasfigurata, meglio “trasformata”, metemorphōde (Lc 9,28-36), dice il testo greco, davanti ai tre discepoli, Pietro, Giacomo e Giovanni che aveva portato con sé. A questi discepoli Gesù mostra il suo mistero di…

    Commenti disabilitati su NON C’È TABOR SENZA CROCE
  • Spezzando la sua Parola

    IL GRANDE INGANNO

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo I Domenica di Quaresima  3/10/2019 – Anno (C) (Letture: Deuteronomio 26,4-10; Salmo 90; Romani 10, 8-13; Luca 4,1-13) Iniziata mercoledì con il rito delle Ceneri, la Quaresima si snoderà per un arco di tempo di 40 giorni (perciò Quaresima, quadraginta) e si concluderà a Pasqua, cuore e fondamento della religione cristiana. Un cammino di quaranta giorni fatto di austerità e di gioia, in cui siamo chiamati a una conversione vera, puntata sull’essenziale, che è invisibile agli occhi. «Ver sacrum», primavera sacra, la chiamavano gli antichi. Nei primi secoli in Quaresima si compiva la preparazione al Battesimo, alla Cresima, all’Eucaristia, sacramenti che…

    Commenti disabilitati su IL GRANDE INGANNO
  • Spezzando la sua Parola

    LA VITA È COME UN SOFFIO, I GIORNI COME OMBRA CHE PASSA

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo Mercoledì delle Ceneri  3/6/2019 – Anno (C) (Letture: Gioele 2,12-18; Salmo 50; 2 Corinti 5,20-6,2; Matteo 6,1-6.16-18) Il cammino quaresimale inizia con il gesto di ricevere un po’ di cenere sul capo, accompagnato da alcune parole: «Ricordati che sei polvere e in polvere tornerai». La coscienza della nostra debolezza, della nostra fragilità, della nostra miseria è davvero il primo passo da compiere per avvicinarci al Signore. «Ricordati che sei polvere». Parole molto severe, ma necessarie in un mondo che, falsamente, cerca di coprire qualsiasi forma di debolezza per esaltare in ogni modo la forza e l’autosufficienza. In verità, la vita di…

    Commenti disabilitati su LA VITA È COME UN SOFFIO, I GIORNI COME OMBRA CHE PASSA
  • Spezzando la sua Parola

    GUARDARE I FRUTTI

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo VIII Domenica del Tempo ordinario  3/3/2019 – Anno (C) (Siracide 27,5-8; 1Corinzi 15,54-58; Luca 6,39-45) Ogni volta che ascoltiamo il Vangelo avvertiamo che la parola di Gesù è una parola diversa da quella che ascoltiamo nelle relazioni quotidiane, perché non è mai un parola indifferente o vuota: è più tagliente di una spada a doppio taglio, penetra nella profondità del cuore e ci raggiunge nell’intimità più profonda, lì dove prendiamo le nostre decisioni. Nella prima lettura di questa domenica il libro del Siracide paragona il cuore umano al “setaccio” e al forno del vasaio per darci utili raccomandazioni sul nostro modo…

    Commenti disabilitati su GUARDARE I FRUTTI