• Spezzando la sua Parola

    DALLE SUE PIAGHE SIAMO STATI GUARITI

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo II Domenica di Pasqua – Festa della Divina Misericordia  4/28/2019 – Anno (C) (Letture: Atti degli Apostoli 5, 12-16; Salmo 117; Apocalisse 1, 9-11a.12-13.17-19; Giovanni 20, 19-31) La seconda domenica di Pasqua, dal Giubileo del Duemila, è chiamata anche la Domenica della Divina Misericordia. Gesù stesso alla mistica polacca Suor Faustina Kovalska, canonizzata da Giovanni Paolo II il 30 aprile del Duemila, chiese l’istituzione della festa della Divina Misericordia con la solenne benedizione della sua immagine nella seconda domenica di Pasqua. Nel suo Diario la santa racconta che in una visione “vide il Signore Gesù vestito di una veste bianca: una…

    Commenti disabilitati su DALLE SUE PIAGHE SIAMO STATI GUARITI
  • Spezzando la sua Parola

    “LA PASQUA CARDINE DI OGNI MIO GIORNO”

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo Domenica di Pasqua  4/21/2019 – Anno (C) (Letture: Atti degli Apostoli 10,34a.37-43; Salmo 117; Colossesi 3,1-4; Giovanni 20, 1-9 (opp. Mt 28,1-10).) Cristo è risorto, è davvero risorto, Alleluia. Gesù di Nazaret è veramente risorto. A una morte reale corrisponde una risurrezione reale. In altre parole, Gesù è veramente, realmente, corporalmente morto. Nessun filo d’erba ha fatto in tempo a crescere sulla sua tomba. È l’annunzio che di generazione in generazione è arrivato fino a noi oggi e noi oggi lo passiamo alle generazioni future. “Ciò che abbiamo udito, ciò che abbiamo visto con i nostri occhi, ciò che abbiamo contemplato,…

    Commenti disabilitati su “LA PASQUA CARDINE DI OGNI MIO GIORNO”
  • Spezzando la sua Parola

    IL “SUO” PANE

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo Giovedì Santo – Cena del Signore  4/18/2019 – Anno (C) (Letture: Esodo 1-8.11-14; Salmo 115; 1 Corinti 11,23-26; Giovanni 13,1-15) Nella tradizione della Chiesa in questa settimana i giorni sono detti Santi. Oggi è il Giovedì Santo. Una giornata carica di mistero. In mattinata nelle Cattedrali di tutto il mondo i vescovi concelebrano la Messa crismale con i loro sacerdoti e consacra gli oli sacri: l’olio dei catecumeni per le celebrazioni dei battesimi, l’olio degli infermi per gli ammalati, l’olio del crisma per le cresime e le ordinazioni sacerdotali ed episcopali. Davanti al vescovo – segno di unità della Chiesa diocesana…

    Commenti disabilitati su IL “SUO” PANE
  • Spezzando la sua Parola

    FOLLIA D’AMORE

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo Domenica delle Palme  4/14/2019 – Anno (C) (Letture: Isaia 50,4-7; Salmo 21; Filippesi 2,6-11; Luca 22,14-23,56) La Liturgia di oggi ci introduce nella Settimana Santa, una settimana di grazia, in cui riviviamo quanto il Signore ha fatto per noi, una “memoria”, o meglio “memoriale” (lo zikkaron ebraico) che rende attuale ciò che si celebra e, al tempo stesso, rende noi contemporanei e partecipi all’evento di cui facciamo “memoriale”. Ha due momenti significativi, racchiusi nelle parole con cui viene chiamata questa Domenica: Domenica delle Palme e della Passione del Signore. II primo momento l’abbiamo celebrato fuori della Chiesa con il racconto dell’entrata…

    Commenti disabilitati su FOLLIA D’AMORE
  • Spezzando la sua Parola

    CHI È SENZA PECCATO SCAGLI LA PIETRA

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo V Domenica di Quaresima  4/7/2019 – Anno (C) (Letture: Isaia 43,16-21; Salmo 125; Filippesi 3,8-14; Giovanni 8,1-11) “Chi è senza peccato scagli la pietra”. È una delle espressioni di Gesù spesso citata quando si punta facilmente il dito accusatore contro gli altri e ci si dimentica che peccatori siamo tutti e che il peccatore manifesto è solo il segno concreto visibile della condizione di debolezza di ognuno di noi. Tutti – certo – sentiamo dentro di noi una gran voglia di bellezza, di bontà, di alzarci a volo d’aquila, ma poi ci troviamo a sperimentare il peggio di noi stessi. La…

    Commenti disabilitati su CHI È SENZA PECCATO SCAGLI LA PIETRA
  • Spezzando la sua Parola

    IL PADRE CHE CI ATTENDE

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo IV Domenica di Quaresima  3/31/2019 – Anno (C) (Letture: Giosuè 5,9a.10-12; Salmo 33; 2 Corinti 5,17-21; Luca 15,1-3.11-32) Un Vangelo nel Vangelo. Così è stata definita la parabola del figlio prodigo, o meglio del Padre misericordioso e prodigo di amore. Provoca sempre un po’ di emozione ascoltarla e risentire la tenerezza di Dio per chi ritorna a lui. È come se si ascoltasse per la prima volta. Un vero capolavoro anche nel modo in cui viene raccontata. In questa parabola che Gesù narra c’è tanta parte della nostra vita, della vita dell’uomo di sempre, dell’uomo che perde la sua dignità in…

    Commenti disabilitati su IL PADRE CHE CI ATTENDE
  • Spezzando la sua Parola

    RITORNARE A DIO

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo III Domenica di Quaresima  3/24/2019 – Anno (C) (Letture: Esodo 3,1-8a.13-15; Salmo102; 1 Corinti 10,1-6.10-12; Luca 13,1-9) Con le parole del Vangelo di oggi pare proprio che Gesù risponda ai tanti interrogativi che ci poniamo e ai drammi che succedono o nelle nostre famiglie o nel mondo, magari vicino a noi. È molto illuminante il Vangelo di oggi. Gesù ci insegna un modo diverso di leggere gli avvenimenti, diciamo, il giornale. Nella risposta a quelli che gli erano andati a riferire di due tragici fatti di cronaca a quel tempo: una strage della polizia di Pilato all’interno del tempio e il…

    Commenti disabilitati su RITORNARE A DIO
  • Spezzando la sua Parola

    BUONA PASQUA, MA VERA

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo Veglia pasquale nella Notte Santa  3/20/2019 – Anno (C) (Genesi 1,1 – 2,2; Genesi 22,1-18; Esodo 14,15- 15,1; Esodo 15,1-7a.17-18; Isaia 54,5-14; Isaia 55,1-11; Isaia 12,2-6; Baruc 3,9-15.32 – 4,4; Ezechiele 36,16-17a.18-28; Romani 6,3-11; Salmo 117; Luca 24,1-12.) “Esulti il coro degli angeli, esulti l’assemblea celeste … Gioisca la terra inondata da così grande splendore”. È l’invito che ci giunge in questa notte. “È la notte in cui Cristo, spezzando i vincoli della morte, è risorto vincitore dal sepolcro. La luce del Re eterno ha vinto le tenebre del mondo”. La liturgia ci rende partecipi in questa notte della sorprendente notizia…

    Commenti disabilitati su BUONA PASQUA, MA VERA
  • Spezzando la sua Parola

    IN AGONIA FINO ALLA FINE DEL MONDO

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo Venerdì Santo – «Passione del Signore»  3/19/2019 – Anno (C) (Letture: Isaia 52,13- 53,12; Salmo 30; Ebrei 4,14-16; 5,7-9; Giovanni 18,1- 19,42.) Oggi contempliamo il Volto di Gesù Crocifisso, uomo dei dolori. Il Volto “senza bellezza” di cui parla il profeta e in cui dobbiamo riconoscere il volto di ogni uomo sofferente, distrutto dal dolore. Il volto dell’Uomo. “Ecco l’uomo” – dice Pilato – presentando Gesù alla fine del processo. Il volto, per la fede dei cristiani, nasconde e svela, nello stesso tempo, il mistero di Dio. Sulla terra, è l’icona che in modo adeguato riflette la santità e la grandezza…

    Commenti disabilitati su IN AGONIA FINO ALLA FINE DEL MONDO
  • Spezzando la sua Parola

    NON C’È TABOR SENZA CROCE

    Riflessione sulla liturgia della Parola di monsignor Ermanno Raimondo II Domenica di Quaresima  3/17/2019 – Anno (C) (Letture: Genesi 15,5-12.17-18; Salmo 26; Filippesi 3,17-4,1; Luca 9,28b-36) Domenica scorsa le tentazioni di Gesù nel deserto, Gesù messo alla prova, provato in ogni “tentazione” dal diavolo per aiutarci a vivere, accogliere e fare nostre le sue risposte alle provocazioni del diavolo. Oggi la Trasfigurazione sul Tabor, una collina alta solo 400 metri, dove l’umanità di Gesù, l’umanità vera, piena, è trasfigurata, meglio “trasformata”, metemorphōde (Lc 9,28-36), dice il testo greco, davanti ai tre discepoli, Pietro, Giacomo e Giovanni che aveva portato con sé. A questi discepoli Gesù mostra il suo mistero di…

    Commenti disabilitati su NON C’È TABOR SENZA CROCE