Offerte per le opere del Santuario

Coloro che desiderano sostenere l’impegno di carità e le necessità del Santuario del Pettoruto con donazioni in denaro possono attenersi alle seguenti modalità.


Bonifico bancario

BANCA CARIME
Filiale: ROGGIANO GRAVINA 06567, VIA VITTORIO EMANUELE 87017 - ROGGIANO GRAVINA (CS)
IBAN: IT 89 M 03067 80900 000000000704
BIC: CARMIT31 VIA BLOPIT 22
Intestato a: SANTUARIO BASILICA S.MARIA DEL PETTORUTO
PIAZZA DUOMO, 4, PRESSO CURIA VESCOVILE
87018 SAN MARCO ARGENTANO (CS)
 
Conti correnti postali POSTE ITALIANE

Filiale: COSENZA
IBAN: IT 35 T 07601 16200 000011067873           
BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX
Intestato a:  SANTUARIO MADONNA DEL PETTORUTO 
              PRESSO CURIA VESCOVILE
              PIAZZA DUOMO, 4
              87018 SAN MARCO ARGENTANO (CS)
 

POSTE ITALIANE
Filiale: COSENZA
IBAN:  IT 04 D 07601 16200 000011823879
BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX
Intestato a:  SANTUARIO MADONNA DEL PETTORUTO 
              PRESSO CURIA VESCOVILE
              PIAZZA DUOMO, 4
              87018 SAN MARCO ARGENTANO (CS)
I devoti residenti all'estero che desiderano fare offerte possono farlo tramite bonifico.

 

TESTAMENTI
 
Coloro, invece, che desiderano sostenere l’impegno di carità e le necessità del Santuario del Pettoruto  con donazioni in immobili devono attenersi alle seguenti disposizioni testamentarie.
Il testamento, come si sa, è uno strumento a disposizione di ogni individuo per affermare la sua volontà in merito alla destinazione del proprio patrimonio proiettandola nel futuro. Il testamento è un atto assolutamente personale sempre modificabile e/o revocabile. La legge prevede due tipi di testamento:
Per evitare il rischio di errori che possano inficiarne la validità è possibile prendere contatti con il Pro - Rettore del Santuario - Tel (+39) 0981 61082 - 60000
a) il testamento pubblico, che va redatto alla presenza di un notaio,
b) il testamento olografo, che può essere predisposto senza la presenza di un notaio ma con l’obbligo di essere scritto, datato e sottoscritto per intero a mano dal testatore. La sottoscrizione (firma) deve essere posta alla fine delle disposizioni testamentarie e la data deve contenere l’indicazione di giorno, mese e anno. Se si sceglie il testamento olografo è consigliabile redigere sempre almeno due originali, inviandone uno al Santuario, in modo da limitare il rischio di smarrimento, corredandolo dei dati e dei recapiti personali.
Se si intende beneficiare il Santuario destinandogli un bene particolare, a titolo di legato, la disposizione testamentaria potrà essere così formulata: “Lego al Santuario della Madonna del Pettoruto… (scrivere di seguito l’elenco dei beni)”. Firma e data

Se, invece, si desidera destinare al Santuario l’intero patrimonio, la formula da usare è la seguente: “Nomino il Santuario della Madonna del Pettoruto erede universale di tutti i miei beni mobili ed immobili… (eventuale elenco dei beni)”. Firma e data

Comments